Accedi Registrati

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *

 
 
Con l’avvicinarsi del 75° anniversario della Liberazione di Brisighella, l’ A.N.P.I. di Brisighella - Sezione "Giuseppe Bartoli" si è fatta capofila del progetto storico-culturale volto a ricordare quei tragici momenti del dicembre 1944, perché non si perda la memoria storica della sofferenza, delle miserie, degli orrori e del sacrificio dei nostri concittadini di Brisighella e dei tanti che combattevano lontano da casa, dagli affetti in nome della LIBERTÁ e DEMOCRAZIA. Una libertà che deve essere alimentata quotidianamente ancora oggi, perché sia un bene di tutti e non solo di alcuni. In tali occasioni invitiamo tutti a riflettere su questi principi intoccabili della nostra Costituzione nata dalla Resistenza e su tutti quei valori che in essa sono rappresentati a tutela della dignità umana e dei suoi diritti, contro ogni forma di violenza e di sopraffazione. A questo progetto hanno aderito A.N.A. Gruppo “Sirio Baldi” di Brisighella, AIDO Don Carlo Gnocchi – Brisighella, Associazione Brisighella Bene Comune, Associazione Culturale e Ricreativa Sancti Ruffilli, Circolo ARCI “Ambra” – Brisighella, Circolo ARCI di Marzeno, Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e provincia e gli ex sindaci Egisto Pelliconi, Achille Albonetti, Cesare Sangiorgi e Davide Missiroli e Angela Esposito, capogruppo “Brisighella Insieme”.
 
Gli eventi, patrocinati dal Comune di Brisighella e dall’ Unione della Romagna Faentina, inizieranno domenica 1 dicembre alle 11.00 al Circolo ARCI “Ambra” di Brisighella con Claudio Visani che presenterà il libro da lui scritto “ La ragazza ribelle” (Carta Bianca) con Miro Gori, presidente provinciale dell’ANPI di Forlì-Cesena e Annunziata Verità, protagonista delle vicende narrate.
 
Giovedì 5 dicembre alle 20.30 alla Sala Polivalente del Complesso Cicognani " Guerra, internamento e liberazione. Il secondo conflitto mondiale attraverso i ricordi inediti di Carlo Cavina e Michelina Pasini. Un progetto di ricerca" a cura di Marco Serena dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e provincia.
 
Sabato 7 dicembre alle ore 10,45 presso il Monumento ai Caduti del Parco Ugonia commemorazione ufficiale della Liberazione di Brisighella alla presenza del Sindaco e Gonfalone di Brisighella, delle Autorità civili e militari, delle Associazioni e rispettivi labari, degli Alunni e Docenti dell’ Istituto Comprensivo di Brisighella e a seguire presso la Lapide dedicata alla Brigata Maiella posta in Piazza Carducci. Nel pomeriggio alle ore 16.00 al Foyer del Teatro Pedrini, in Municipio, “ Dalla Liberazione alla Costituzione” con consegna del testo della Costituzione della Repubblica Italiana da parte del Sindaco a tutte le diciottenni ed a tutti i diciottenni (anno 2019) residenti nel Comune di Brisighella con lettura dei principi fondamentali della nostra Costituzione. Intervento conclusivo di Luca Riccardi, professore di Storia delle Relazioni Internazionali all’Università di Cassino.
 
Inoltre, per evidenziare l’importanza dell’evento commemorativo, il 30 novembre saranno collocati nastri tricolori in prossimità di cippi, lapidi e monumenti riportanti la frase “ 75° Anniversario Liberazione di Brisighella” che saranno rimossi al termine della settimana celebrativa.
Overall, associazione che opera a Faenza in difesa dei diritti umani, dell'integrazione e della pace, fa sue le amare parole di sdegno e preoccupazione espresse da Roberto Matatia, giornalista e scrittore appartenente alla comunità ebraica faentina, per l' inaccettabile e vergognoso attacco antisemita che gli è stato rivolto nella serata del 26 novembre durante la proiezione organizzata al cinema Sarti a sostegno del Centro Antiviolenza SOS Donna.
Si tratta di un episodio agghiacciante, da Matatia stesso raccontato e raccolto dal notiziario Faenzanotizie.it .
Alcune persone, rimaste nell'anonimato e uscite dalla sala prima del termine della proiezione, avendolo riconosciuto hanno rivolto contro di lui e contro il popolo ebreo inaccettabili parole di negazione della Shoah e di esplicito odio razziale.
La nostra condanna dell'accaduto è ferma e totale.
Overall, e con essa, tutte le associazioni che la compongono, esprime piena vicinanza e solidarietà a Roberto Matatia e soprattutto si impegna ad una attenzione vigile e ad una pronta denuncia di tutto ciò che anche nella nostra città può lasciare spazio e dare adito a derive razziste e fasciste.

Faenza 28 11 2019                              
 
OVERALL    e tutte le associazioni aderenti:

AISAPI, Amicizia solidale, ANMIC, Anolf Ravenna, Anpi Faenza,

Anpi Solarolo, ASEF, Associazione Missionaria Internazionale ( AMI ), Caritas diocesana di Faenza e Modigliana,

Centro di documentazione don Tonino Bello, Circolo Arci Prometeo, Comitato d’Amicizia,

Comitato Adottiamo Castel Raniero Bene Comune,

Comitato di Faenza per la valorizzazione la difesa e della Costituzione

Comitato Spontaneo per la Pace,

Consulta delle cittadine e dei cittadini stranieri,

Consulta Volontariato Comuni Romagna Faentina,

Coordinamento per la Pace Bagnacavallo,

CosmoHelp, DEFAIENCE, , Farsi Prossimo, Federconsumatori, Fiab, Fim-Cisl, Fiom-Cgil,

Gruppo Emergency Faenza, Gruppo Fotografia Aula 21,

Insieme per Crescere, Lega Spi Cgil, Legambiente Lamone Faenza, Mani Tese Faenza, M.F.E,  Progetto Policoro Faenza e Modigliana,

Qualcosadisinistra.info, RicercAzione,

Redazione “ il castello “di CastelBolognese,

Romagna – Camaldoli, Salvaiciclisti Faenza,

Scuola di Italiano per Migranti Penny Wirton,

Societa Cooperativa di Cultura Popolare, SOS Donna,

Teatro Due Mondi / Senza confini,

Donati Giovanni, Francesconi Paolo, Rossini Maria

 Faenza 28 11 2019

 

L'Altra Faenza sollecita l'Amministrazione Comunale a dare concretezza al percorso partecipativo approvato in Consiglio

 L'Altra Faenza si è occupata di urbanistica e assetto del territorio durante la sua attività in Consiglio Comunale.

- Lo ha fatto molto prima di tanti che oggi ne parlano, lo ha fatto già a partire dalla discussione attorno alla nuova Legge Regionale sull'Urbanistica, che ha giudicato troppo permissiva, contraddicendo lo slogan “consumo di suolo zero”.

- Lo ha fatto poi, in Consiglio Comunale, chiedendo all’Amministrazione di rendere pubblici i dati sull’individuazione della superficie urbanizzata esistente nel Comune alla data del 1º gennaio 2018 e quelli sul patrimonio costruito inutilizzato.

- Lo ha fatto proponendo specifici emendamenti al “Bando per manifestazioni di interesse per nuove urbanizzazioni” (Quelli per porre vincoli più precisi alle urbanizzazioni in aree agricole non sono stati accolti ma, due rilevanti sono stati approvati relativo il primo alla sovranità a valutare i progetti del Consiglio Comunale di Faenza,prima del Consiglio dell’Unione della Romagna Faentina; e il secondo relativo alla previsione di un ulteriore bandoper l'eliminazione di aree edificabili di nuova urbanizzazione dagli strumenti urbanistici vigenti”.

- Lo ha fatto presentando l'Ordine del giorno - approvato all'unanimità. - "Percorso partecipativo per la preparazione del Piano Urbanistico Generale (PUG)"

- Lo ha fatto promuovendo ad aprile 2019 l’iniziativa La progettazione della città pubblica (aperta a rappresentanti dell'associazionismo), per indicare la necessità della rigenerazione urbana dal punto di vista sociale, energetico, sismico, di porre fine al consumo di suolo, razionalizzare la mobilità urbana e la qualità ecologica e ambientale, costruendo, anche per questa via, occasioni di lavoro e occupazione qualificata.

- Lo ha fatto nel penultimo Consiglio Comunale, chiedendo di sapere quando le “manifestazione di interesse per nuove urbanizzazioni” saranno esaminate in Commissione e poi nel Consiglio Comunale.

E poi, intorno all'urbanistica, si aperto il bailamme sul ritiro delle deleghe all’Assessore all’urbanistica con repliche, uscite dalla maggioranza, contro repliche, che tuttora riempiono i giornali, con indiscrezioni su improprie trattative private su “accordi operativi”.

Invece che seguire questo dibattito “criptato” solo sui giornali, L'Altra Faenza avanza una proposta precisa:

  • vengano rese pubbliche le documentazioni sulle “manifestazioni di interesse” in campo, si convochi la commissione per preparare la discussione in Consiglio Comunale e valutare il reale interesse pubblico;
  • si avvii (NEI FATTI e NON A PAROLE) l'iter per la predisposizione del Piano Urbanistico Generale, dando corso a quanto previsto dall'ordine del giorno votato da tutti.

Quel testo, che impegna l'Amministrazione, tra l'altro recita “...E' necessario che la comunità nel suo complesso, quindi anche i possessori di aree potenzialmente edificabili, privati, società, banche, fondazioni, operatori del settore, ecc., ma più in generale tutti i cittadini, prendano atto della necessità di una diversa progettazione della città pubblica futura, dove le nuove urbanizzazioni non hanno (se non per casi particolari) ragione di essere, ed è invece necessario riqualificare e rigenerare il patrimonio esistente dal punto di vista funzionale, ambientale, energetico, ecc. come chiede la nuova Legge Regionale.”

Il “percorso partecipativo” di cui stiamo parlando dovrebbe servire proprio a questo: a costruire una idea di città pubblica futura che non parta solo dagli interessi forti consolidati, come troppo spesso è accaduto in passato. Non si tratta di demonizzare questi interessi, ma piuttosto renderli chiari e metterli a confronto con ciò che riteniamo essere il bene comune.

Ricordiamo che la stessa Legge Regionale prevede l'istituzione dell'Albo degli immobili resi disponibili per la rigenerazione urbana. Si predisponga dunque e si invitino i potenziali investitori a indirizzare lì i loro progetti.

E' in un percorso di questo tipo che devono trovare spazio approfondimenti e soluzioni per:

- affrontare la scarsa disponibilità di edilizia sociale, nonostante l’abbondanza di patrimonio abitativo non utilizzato;

- una riqualificazione della città dal punto di vista dell'efficientamento energetico e sismico, non solo per gli edifici pubblici e le singole abitazioni, ma di interi condomini e quartieri;

- rilanciare gli obiettivi del Piano di Azione per l'Energia Sostenibile (PAES);

- la mappatura e la bonifica dei tetti in amianto, promuovendone la sostituzione con impianti solari e fotovoltaici (che dovrebbero essere più facilmente collocati anche nel centro storico);

- approfondire le conseguenze sull'urbanistica e sull'assetto della città di progetti come la riqualificazione dell'area della stazione;

- la futura definizione del Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile (PUMS) sul quale va avviato subito un confronto ampio con la città per comparare esigenze e punti di vista diversi (dei cittadini, dei lavoratori, dei commercianti, ecc.) e trovare soluzioni per una città più salubre, vivibile e attraente. Proprio sul PUMS potrebbe essere attivato lo strumento del “Percorso partecipato” recentemente approvato dal Consiglio Comunale e da quello dell'URF.

Ma la questione urbanistica e dell'assetto del territorio non è la sola questione rilevante sulla quale concentrarsi per un progetto di città futura della prossima Amministrazione.

Ed è proprio a partire dal confronto sui contenuti che l'Altra Faenza intende aprirsi ad un dialogo serio e proficuo, che vada al di là di una visione personalistica della politica che purtroppo, come abbiamo visto in questi giorni, è propria anche del confronto politico faentino e non solo dei palazzi romani.

L’ALTRA FAENZA

Edward Jan Necki

 

 

disegno di Vania Bellosi disegno di Vania Bellosi

Benvenuti in mare aperto

Dalla pagina FB ufficiale:
Questa è la pagina ufficiale nata in seguito al flash mob di Bologna organizzato da Giulia, Andrea, Roberto e Mattia per coordinare e promuovere tutti gli eventi sul territorio nazionale.
******

Cari populisti, lo avete capito. La festa è finita.
Per troppo tempo avete tirato la corda dei nostri sentimenti. L’avete tesa troppo, e si è spezzata. Per anni avete rovesciato bugie e odio su noi e i nostri concittadini: avete unito verità e menzogne, rappresentando il loro mondo nel modo che più vi faceva comodo. Avete approfittato della nostra buona fede, delle nostre paure e difficoltà per rapire la nostra attenzione. Avete scelto di affogare i vostri contenuti politici sotto un oceano di comunicazione vuota. Di quei contenuti non è rimasto più nulla.
Per troppo tempo vi abbiamo lasciato fare.
Per troppo tempo avete ridicolizzato argomenti serissimi per proteggervi buttando tutto in caciara.
Per troppo tempo avete spinto i vostri più fedeli seguaci a insultare e distruggere la vita delle persone sulla rete.
Per troppo tempo vi abbiamo lasciato campo libero, perché eravamo stupiti, storditi, inorriditi da quanto in basso poteste arrivare.
Adesso ci avete risvegliato. E siete gli unici a dover avere paura. Siamo scesi in una piazza, ci siamo guardati negli occhi, ci siamo contati. E’ stata energia pura. Lo sapete cosa abbiamo capito? Che basta guardarsi attorno per scoprire che siamo tanti, e molto più forti di voi.
Siamo un popolo di persone normali, di tutte le età: amiamo le nostre case e le nostre famiglie, cerchiamo di impegnarci nel nostro lavoro, nel volontariato, nello sport, nel tempo libero. Mettiamo passione nell’aiutare gli altri, quando e come possiamo. Amiamo le cose divertenti, la bellezza, la non violenza (verbale e fisica), la creatività, l’ascolto.
Crediamo ancora nella politica e nei politici con la P maiuscola. In quelli che pur sbagliando ci provano, che pensano al proprio interesse personale solo dopo aver pensato a quello di tutti gli altri. Sono rimasti in pochi, ma ci sono. E torneremo a dargli coraggio, dicendogli grazie.
Non c’è niente da cui ci dovete liberare, siamo noi che dobbiamo liberarci della vostra onnipresenza opprimente, a partire dalla rete. E lo stiamo già facendo. Perché grazie ai nostri padri e nonni avete il diritto di parola, ma non avete il diritto di avere qualcuno che vi stia ad ascoltare.
Siamo già centinaia di migliaia, e siamo pronti a dirvi basta. Lo faremo nelle nostre case, nelle nostre piazze, e sui social network. Condivideremo questo messaggio fino a farvi venire il mal di mare. Perché siamo le persone che si sacrificheranno per convincere i nostri vicini, i parenti, gli amici, i conoscenti che per troppo tempo gli avete mentito. E state certi che li convinceremo.
Vi siete spinti troppo lontani dalle vostre acque torbide e dal vostro porto sicuro. Noi siamo le sardine, e adesso ci troverete ovunque. Benvenuti in mare aperto.
“E’ chiaro che il pensiero da fastidio, anche se chi pensa è muto come un pesce. Anzi, è un pesce. E come pesce è difficile da bloccare, perché lo protegge il mare. Com’è profondo il mare”.

Comunicato Stampa  Circolo Legambiente Lamone Faenza

L’impegno di Legambiente per la festa dell’albero.

Anche quest’anno il Circolo Legambiente Lamone Faenza partecipa alla grande campagna  La festa dell’Albero impegnandosi con incontri nelle scuole, da 14 al 29 novembre, coinvolgendo circa  500 alunni dalle  materne alle elementari.

Alle classi e agli alunni verrà distribuita una ghianda, proveniente da una quercia del parco Malmerendi, che potrebbe essere piantata in un luogo idoneo.

Quest’anno Legambiente chiede alle scuole, oltre che –  dove possibile – di piantare “un albero per il clima”, di contribuire a coinvolgere tutti in quella che deve diventare  una mobilitazione generale per il contrasto ai cambiamenti climatici. Questo impegno ci accompagnerà per i prossimi anni lavorando con il mondo della scuola, chiedendo loro di divenire “Scuole Sostenibili” e di promuovere azioni concrete e momenti di sensibilizzazione sul territorio.

Anche a Faenza vogliamo cogliere questa occasione per costruire un momento di cittadinanza attiva sul tema dei cambiamenti climatici di tutta la comunità,  in questo senso pensiamo che la Festa dell’Albero possa essere l’inizio di un percorso che, con forza,  chiediamo di fare a tutta la cittadinanza e alle amministrazioni, sulle politiche di contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici.

Quest’anno, possiamo incrociare la nostra storica Festa dell’Albero con la  convinta adesione all’appello della Comunità Laudato Si’, che lo scorso 12 settembre, ha avanzato una proposta, a firma di Stefano Mancuso, Direttore LINV, Carlo Petrini, Presidente Slow Food e del Vescovo di Rieti, Domenico Pompili, di piantare il più rapidamente possibile 60 milioni di alberi per contrastare la crisi climatica.

Una bella idea. Accolta, ed ampiamente condivisa, dai mass media che però rischia di essere fuorviante se non verrà trasformata in un progetto concreto a scala nazionale, basato su criteri scientifici e integrato con la gestione degli alberi che già vegetano sul nostro territorio.

Non basta dire “piantiamoli”, servono spazi e luoghi idonei, materiale vivaistico controllato e risorse per le cure colturali.

 

 Risultato immagini per immagini giornatadei diritti dei bambini"


Come Fiab Faenza e Legambiente Lamone, ricordiamo che i bambini hanno diritto di crescere in
un ambiente sano, così come dice l'Unicef, e di muoversi sicuri sulla strada, anche in autonomia.
Eppure il traffico davanti alle scuole e i parcheggi selvaggi ostacolano la mobilità di bambini e
ragazzi, e rendono pericolosi e insalubri gli spazi antistanti la scuola.

Per questo a livello nazionale noi come molte associazioni nazionali, abbiamo lanciato da circa un
anno la petizione e la campagna stradescolastiche.it, per chiedere "Mai più auto davanti alle
scuole" e rendere le strade scolastiche norma nazionale, obbligo per tutti i comuni (la legge è
attualmente ferma in Parlamento). Nel frattempo che la legge sia approvata proviamo a
sensibilizzare i comuni e la cittadinanza, perché già ora, se lo vogliono, le amministrazioni locali
possono fare molto. Da Castelbolognese, a Reggio Emilia, da Castenaso di Bologna a Milano, da
Olbia a tanti altri comuni piccoli e grandi, si sta procedendo a pedonalizzare le aree davanti alle
scuole. E' una misura di buon senso e civiltà, che è già tipica nei paesi oltralpe.

Da giugno dello scorso anno, abbiamo quindi inoltrato al Comune di Faenza l'invito ad aderire al
progetto "strade scolastiche": si parte con una sperimentazione nella giornata dei diritti dei
bambini, per poi gradualmente attuare aree pedonali o ZTL intorno ogni scuola di ogni ordine e
grado, almeno negli orari entrata uscita.

Valutiamo con soddisfazione l'adesione del Comune e di molte scuole faentine, che hanno chiesto
di pedonalizzare almeno per un giorno, facendo giocare i bambini e ridonando loro il diritto alla
strada, in questi giorni è uscito sulla stampa locale il comunicato stampa del Comune dove
appunto si ricorda questa adesione e si indicano i vari punti dove saranno svolte attività .
Chiediamo però che non sia solo l'esperienza (pur importante) di mezza giornata, ma che
sia l'inizio di un percorso di condivisione che porti in breve tempo alla chiusura al traffico
davanti alle scuole.

Fiab Faenza e Legambiente Lamone sono seriamente impegnate nella mobilità sostenibile casa-scuola
e chiedono di essere coinvolti anche ai tavoli di confronto tra comune e mobility
manager scolastici.
Ricordiamo, tra le nostre azioni: il progetto Km Verdi, il convegno strade scolastiche (il 18
settembre 2019), il convegno Faenza in Bici ,documentazione dello stato delle piste ciclabili ( il 12
ottobre 2019 ) i flashmob sulla ciclabile di via Insorti contro il parcheggio selvaggio e soprattutto la
nostra richiesta puntuale di limitazione al traffico, davanti ogni scuola, inviata già un anno fa al
Comune come contributo al PUMS. piano tra l’altro in discussione a breve .
Ci piacerebbe confrontarci sulla base di queste nostre richieste puntuali, sia con i mobility manager
delle scuole , sia con il comune.

Ricordiamo che a Faenza solo pochissime scuole possono godere di effettive strade scolastiche,
(in alcuni casi, come le Carchidio, si è addirittura tornati indietro). Speriamo quindi che questa
amministrazione (e quella a venire) sia determinata a garantire il diritto dei bambini di camminare e
pedalare sicuri sulle strade.


Fiab Faenza Linda Maggiori 333 3520627
Legambiente Lamone Massimo Sangiorgi 333 6218832
Faenza 17 11 2019